Le Fate Ignoranti
Fatti Intrattenere,  in evidenza

Le Fate Ignoranti – recensione episodi 1-2 in anteprima

Abbiamo avuto la possibilità di partecipare alla conferenza stampa della serie Le Fate Ignoranti con il regista Ferzan Ozpetek e di vedere in anteprima i primi due episodi della serie che debutterà il 13 aprile su Disney +. Le Fate Ignoranti (titolo internazionale The Ignorant Angels), composta da 8 episodi, è creata da Gianni Romoli e Ferzan Ozpetek e scritta in collaborazione con Carlotta Corradi e Massimo Bacchini.

 

 

Antonia (Cristiana Capotondi) è un medico capace e dalla forte volontà, sposata con Massimo (Luca Argentero). I due sono felici, vivono in un’elegante villetta, indisturbati, se non per la presenza della governante della casa, Nora, e della madre invadente di Antonia (Carla Signoris). L’idilliaca felicità della coppia viene infranta all’arrivo di una telefonata che annuncia la morte di Massimo, sbalzato via dalla moto mentre guidava. La morte dell’uomo porta con sé lo svelamento di un segreto che cambia per sempre la visione che Antonia credeva di avere del proprio matrimonio: tra gli effetti personali del marito viene trovato, infatti, un quadro con una dedica d’amore. Antonia riesce a risalire all’indirizzo e si ritrova a fare la conoscenza di Michele, pittore e appassionato d’arte, con cui suo marito aveva una relazione. L’incontro con l’uomo le permetterà non solo di conoscere lati sconosciuti del carattere del marito, ma anche di entrare in contatto con un microcosmo di individui unici, la famiglia allargata di Michele: Annamaria (Ambra Angiolini), cartomante e sposata con la psicologa Roberta ( Anna Ferzetti), Serra (Serra Ylmaz), portiera del palazzo in cui tutti vivono e figura materna per il gruppo e molti altri personaggi dal carattere vario e interessante, che mostreranno ad Antonia un nuovo modo di vedere la vita.

 

Il cast della serie Le Fate Ignoranti / Credits: Disney +

 

Un film che fu l’apripista di un nuovo tipo di fare cinema

Quando uscì nel 2001, presentato alla Berlinale, nessuno si aspettava che il film Le Fate Ignoranti potesse ricevere 3 Nastri d’Argento e il favore del pubblico. Tuttavia, la presenza nel film di Stefano Accorsi, reduce dal successo di L’ultimo bacio, portò a un grande successo. Il titolo del film fa riferimento a un quadro di Magritte, La fata ignorante, che Ozpetek vide in un libro regalatogli da Serra Ylmaz, interprete dell’omonimo personaggio nel film e nella serie, nonché amica e musa del regista. A distanza di 21 anni, quel film che, come ha sottolineato il regista alla Conferenza Stampa che si è tenuta venerdì 8 aprile, è stato realizzato “con gioia e senza pensare a nulla”, è diventato un cult del cinema nostrano. Non solo: la pellicola venne girata prima della tragedia dell’11 settembre, una data dopo la quale la visione del mondo è cambiata totalmente. Se prima, infatti, l’apertura verso il diverso caratterizzava quegli anni – a detta di Ozpetek stesso – ora, non solo Le Fate Ignoranti ha assunto una nuova veste, quella della serialità, ma arriva in un’Italia e in un mondo che si chiudono sempre di più, escludendo tutto ciò che non rientra in canoni eteronormati, abilisti e cristiani. Mentre il film di Ferzan Ozpetek ha fatto da apripista per un nuovo tipo di fare cinema, in cui la sensualità, l’amore, l’omosessualità si mescolavano e per la prima volta comparivano nelle case degli italiani ancora vittime di un’ideologia piccolo borghese e bigotta, ad oggi la serie si inserisce in un contesto opposto, provando ancora una volta a dare spazio a un diverso tipo di narrazione con un diverso punto di vista. Infatti, mentre il film del 2001 mostrava il punto di vista di una donna borghese, Margherita Buy interprete di Antonia, ora – complice la formula seriale – anche i personaggi e le personagge secondarie possono avere un proprio spazio e una voce per raccontare la loro personale visione e aggiungere un ulteriore tassello al variopinto mondo messo in piedi dal regista turco.

 

 

Chi sono Le Fate Ignoranti

Le fate ignoranti sono tutti coloro che vivono che vivono allo scoperto, che vivono i propri sentimenti
e non hanno paura di manifestarli. Sono le persone che parlano senza peli sulla lingua, che vivono le proprie contraddizioni e che ignorano le strategie. Spesso passano per “ignoranti”, perché sembrano cafone e invadenti […] ma sono anche molto spesso delle “fate” perché capaci di compiere il “miracolo” di travolgerci, costringendoci a dare una svolta alla nostra vita.
” – Ferzan Ozpetek

 

Le fate ignoranti
Cristiana Capotondi, Luca Argentero e Eduardo Scarpetta / Credits: Disney +

Ed è evidente che le fate ignoranti del titolo sono anche l’eterogeneo gruppo di amici e amiche con cui vive Michele e che, in un modo totalmente inaspettato, travolgeranno anche la vita di Antonia.

Per raccontare questa nuova storia, Ozpetek ha scelto un cast che – anche se solo nei primi episodi – sembra non far rimpiangere i vecchi comprimari. Il volto delicato ed espressivo di Cristiana Capotondi rende perfettamente non solo l’apatia di una donna la cui vita scorre fin troppo placida, ma anche il dolore di una perdita come quella del proprio compagno. Eduardo Scarpetta (Pasquale Peluso nella meravigliosa serie Rai-HBO L’amica geniale) presta il volto e il corpo a Michele e ci regala un personaggio sensuale, languido, la cui giovanile passione è a stento trattenuta. Il trio è chiuso da Luca Argentero, affascinante e magnetico, misterioso e insondabile, un’assenza-presenza che non smette di accompagnare i protagonisti in questa avventura alla scoperta di sé.

 

Dalla visione dei primi due episodi, la serie Le Fate Ignoranti non sembra farà rimpiangere il cult che tanto abbiamo amato. Per scoprirla, non vi resta che attendere mercoledì 13 per divorare in un unico boccone tutti e 8 gli episodi. Sarà un pasto luculliano e gustoso, ricco di sapori forti e contrastanti, come solo il cinema di Ferzan Ozpetek sa essere.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WordPress Cookie Plugin by Real Cookie Banner